Non mangiare abbastanza non è sempre qualcosa che viene fatto intenzionalmente.

Anche con le buone intenzioni di mangiare bene e pensando di essere sulla strada giusta, un consistente e consistente deficit di energia può comportare un disallineamento tra l’energia disponibile per essere utilizzata e quella necessaria per vivere e allenarsi.

Questo disallineamento è definito carenza di energia relativa nello sport (RED-S) e ha gravi conseguenze sulla salute e sulle prestazioni se non viene affrontato o passa inosservato dagli atleti.

Cos’è il deficit energetico relativo nello sport (RED-S)?

Il corpo ha bisogno di energia per le attività della vita quotidiana, l’allenamento e le funzioni corporee come la respirazione, il flusso sanguigno, il mantenimento di ossa, muscoli e ormoni sani e il cuore che batte. RED-S è una sindrome che si manifesta negativamente in molti di questi sistemi corporei essenziali e si verifica quando il tuo corpo non ha energia sufficiente (calorie / kilojoule) per mantenerli adeguatamente.

Il cibo che mangi ogni giorno ti dà energia per alimentare la vita e l’allenamento. Se mangi solo quanto basta per allenarti, ci saranno meno energie da spendere per la salute. Da qui il corpo inizierà a interrompere i processi vitali che aiutano il recupero dell’allenamento, il rifornimento di carburante, la costruzione della massa muscolare, l’immunità, la crescita, l’umore e per le donne un ciclo mestruale regolare.

È come spendere tutti i soldi per un nuovo paio di scarpe e poi non avere più niente per comprare un bel vestito o un vestito; o devi rispettare un budget limitato o puoi farne a meno!

Come si manifesta il RED-S negli atleti?

Questo può verificarsi nel tempo, ma studi hanno dimostrato che solo tre giorni di bassa disponibilità di energia possono iniziare ad avere un impatto su questi sistemi. A volte questo potrebbe accadere senza che tu te ne accorga, ecco perché è importante ascoltare il corpo per identificare alcuni segni se stai mangiando a sufficienza e cosa succede quando non ascolti quei segni.

Le circostanze in cui è possibile trovare discrepanze di energia si verificano quando:

  • L’assunzione di cibo è ridotta mentre il carico di allenamento rimane lo stesso: ad esempio, esci di casa e questo cambia le tue abitudini, riducendo accidentalmente l’assunzione di cibo durante il giorno.
  • Il carico di allenamento aumenta, ma l’assunzione di cibo rimane la stessa: ad esempio, le sessioni di allenamento aumentano a due volte al giorno ma continui a mangiare la stessa quantità.
  • Stai intenzionalmente limitando l’assunzione di cibo a un valore inferiore a quello che stavi mangiando: questo può iniziare come un tentativo di perdere peso o essere collegato a un’alimentazione disordinata che sta influenzando la selezione del cibo ed è sfuggita di mano.

Quali sono gli impatti diretti sul rendimento di RED-S?

Tutto ciò che influisce sulla salute di un atleta avrà un impatto diretto o indiretto sulle prestazioni, soprattutto se si traduce in giorni di allenamento persi.

Il diagramma seguente illustra quanto può essere ampio questo impatto:

Come faccio a sapere se ho RED-S?

Se non ti senti bene come pensi che dovresti durante l’allenamento e nei dintorni, o se si verificano una combinazione dei fattori o dei segni di cui sopra, dovresti parlare con un dietista per fare una valutazione dettagliata del tuo apporto alimentare. Per confermare RED-S, tuttavia, di solito può essere necessaria anche una combinazione di esami del sangue per controllare gli ormoni, scansioni ossee o un test del tasso metabolico a riposo.

Non si tratta di autodiagnostica, assicurati di entrare in contatto con il tuo team delle prestazioni, incluso il medico per valutare. E se non sei sicuro, chiedi sempre.

Quanto tempo ci vuole per uscire da RED-S?

Questo è molto individuale e dipende da molti fattori, in particolare da quanto tempo hai il RED-S e dallo stato di allenamento. Possono essere settimane o mesi.

Come faccio a prevenire RED-S?

Ascolta il corpo e rimani consapevole di come ti stai adattando all’allenamento. Collaborando con il tuo dietologo, possono consigliare una semplice modifica della quantità di cibo, dell’assunzione di macronutrienti o dell’orario dei pasti in base alle tue esigenze energetiche.